Watch live streaming video from pyramidcafetv at livestream.com

Friday, 19 February 2010

Fine di un mito

**Italian Mood** ha chiuso i battenti. Dopo più di tre anni, il locale fondato da Swina Allen e Sandy Demina è un arido pezzo di terreno sul quale sono rimaste poche tracce di ciò che, per SL, ha rappresentato quel luogo. Nulla, però, è andato perduto.
Era un forte punto di incontro per tutte le generazioni musicali, di numerosi artisti agli esordi in SL, ma per lo più di gente con molto talento che si è esibita, di lì a poco, nelle più prestigiose land. Giusto per citare qualche nome, ricordiamo Kim Seifert, Anek Fuchs, Torben Asp, VLB, UKD Project, Davide Garobie, Stella Slavinsky, Nance Brody, Jean Munro, MichelleD Ecksol, Pa Decosta, EddieGuitar Dagger, Angelina Ozsvar, Dallas Horsefly, Dominick Manatiso, Thumper Boucher, Jonny99 Gumshoe, OnlyHalfCrazy, Jax Streeter, Silas Scarborough, FacelessAPe Mefusula, DanLange Diavolo, zak claxon, steely decosta, avatar quinzet, harper messmer, seba sideways, Harry Frychester, Skye Galaxy, steely decosta e molti altri ancora.
Un pezzetto di storia della musica italiana e internazionale, se ne va. Ognuno di questi artisti, perché molti di loro lo sono a tutti gli effetti anche in RL, ha imboccato la propria strada, ma sono certa che porteranno con sé un bel ricordo dell’esperienza vissuta a **Italian Mood**.
Non fosse altro per la presenza attiva e coinvolgente di Sandy Demina (http://sandydemina.blogspot.com/) la quale, serata su serata, nottata dopo nottata, si metteva alla spasmodica ricerca di gente in gamba da portare al Mood, di owner e di PR che venissero ad ascoltarli, di amici e di estimatori della “buona musica” pronti a sostenerli.
Per non parlare del lavoro di promozione e di feedback che la stessa Sandy ha meticolosamente portato avanti sul blog di **Italian Mood**.
Anche Swina Allen (http://www.swinaallen.com/) ci ha messo del suo, ci mancherebbe.
Ma i tempi cambiano, le passioni pure, come gli interessi e gli obiettivi delle persone che qui hanno ruoli diversi.
Per una land che chiude, altre sono pronte a sorgere. Siamo qui per scoprirle. Goodbye **Italian Mood**!

No comments:

Post a Comment